Pierre Hermé riceve la distinzione di Ufficiale della Légion d’honneur

Dopo aver inaugurato a Parigi la sua nuova creatura, il negozio Infiniment Chocolat, esclusivamente dedicato al cioccolato, Pierre Hermé è stato insignito il 30 aprile del titolo di Ufficiale della Légion d’honneur. Si tratta della massima onorificenza della Repubblica francese, creata da Napoleone I nel 1802, che viene riconosciuta a quanti, civili o militari, si impegnano al servizio dell’interesse generale del Paese. È il presidente della Repubblica transalpina, Emmanuel Macron, che ha conferito il titolo a colui che è considerato nel mondo come il padre della pasticceria contemporanea, durante la cerimonia ufficiale che ha avuto luogo nei saloni del Palazzo dell’Eliseo. «Si tratta – ha commentato Hermé – di un privilegio per me e per l’insieme dei collaboratori della Maison Hermé Paris e dei pasticcieri che lavorano al mio fianco ogni giorno e in tutto il mondo, oltre ad essere un grande riconoscimento del valore del saper fare della pasticceria francese».
Il nome di Hermé è stato incluso nella cosiddetta promozione del 1° gennaio, pubblicata nel Journal Officiel (La Gazzetta Ufficiale francese), che ha distinto 352 personalità provenienti da ogni settore professionale, note o sconosciute al pubblico: 287 cavalieri, 45 ufficiali, 14 commendatori, 4 grandi ufficiali e 2 gran croci hanno raggiunto i ranghi dell’élite francese del merito, il cui Ordine della Légion d’honneur conta oggi 79.000 membri.
Nel 2010 anche la fondatrice della nostra «Pasticceria Internazionale», Emilia Coccolo Chiriotti, ricevette il prestigioso riconoscimento di Cavaliere della Legion d’Onore francese, durante una partecipata cerimonia svoltasi a Pinerolo, To, alla presenza del Console Generale di Francia a Torino e Genova, Véronique Vouland-Aneini, “per la qualità dei servizi resi alla Francia e per l’attaccamento dimostrato”.

LEGGI ANCHE Grazie Emilia dove è possibile sfogliare l’articolo pubblicato sul n. 231 su tale avvenimento.

Macron, che come da tradizione è stato insignito del titolo di Gran Maestro del medesimo ordine, porta avanti in questo modo una politica attenta di valorizzazione dei settori creativi e manufatturieri, con particolare attenzione per l’ambito enogatronomico, intesi come campi espressivi e strumenti essenziali del soft power dell’Esagono, come dimostra la creazione del ruolo di rappresentante personale del presidente della Repubblica in materia di gastronomia affidato all’ex chef dell’Eliseo, Guillaume Gomez.

LEGGI ANCHEA Parigi, Pierre Hermé inaugura Infiniment Chocolat | Pierre Hermé a La Gare de Lyon | L’arte spontanea di Pierre Hermé

Domenico Biscardi

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili