L’Italia accede alla Coupe du Monde de la Pâtisserie 2025

Con il secondo posto alla Coupe Europe 2024 di Parigi, la squadra italiana conquista l'accesso alla finale di Lione. Ennesima soddisfazione per il Club de la Coupe du Monde-Selezione Italia, presieduto da Alessandro Dalmasso

Da sinistra, Andrea Restuccia, Alessandro Dalmasso, Raimondo Esposito e Vincenzo Daloiso.

L’Italia del dolce mantiene il podio (ininterrotto dal 2009) con un ottimo secondo posto e vola al mondiale di Lione in calendario per gennaio 2025. Prima la Francia, terza l’Inghilterra, wild card per Svezia, Svizzera e Belgio. Queste le squadre europee che andranno alla finale della Coupe du Monde de la Pâtisserie prevista a Lione, dopo aver gareggiato il 21 e il 22 gennaio all’interno del Sirha Europain di Parigi, con il tifo colorato e coinvolgente che caratterizza da sempre questa competizione.
Il team Italia, guidato dal presidente della sezione italiana del Club della Coupe du Monde de la Pâtisserie, Alessandro Dalmasso, era composto da Vincenzo Daloiso e Raimondo Esposito.
“Siamo felicissimi di questo risultato – commentano all’unisono Esposito e Daloiso – è un sogno che si realizza. È stato un grande lavoro di squadra e vogliamo ringraziare tutto il team, gli allenatori Dalmasso, Pica, Restuccia, D’Amato, chi ci ha sostenuto in Cast Alimenti e anche quelli che non credevano che ce l’avremmo potuta fare. Siamo sul podio, Lione ci aspetta”.
Le squadre hanno realizzato in 5 ore e 30 minuti sedici dessert da degustazione e due pièces artistiche in zucchero e in cioccolato che sono andate a comporre il buffet finale. Dessert emblematico del Paese che ospita il concorso, il Paris-Brest, realizzato senza stampi né congelamento, ha consentito alla giuria di valutare le capacità tecniche dei candidati. La pasta choux è stata realizzata davanti agli spettatori in un forno ventilato e non a camere sovrapposte come tradizionalmente avviene. Ma anche la prova dei dolci da ristorazione è cambiata rispetto al passato: per questo dessert al piatto servito e degustato “à la minute” come al ristorante, il Comitato Organizzatore Internazionale ha scelto di imporre un minimo di due consistenze e due temperature diverse, e di aggiungere l’integrazione di un soufflé caldo al cioccolato.

Il team ha poi realizzato la torta gelato e i dessert da ristorazione. La Torta gelato era composta da un sorbetto al mango, albicocca e gelato alla mandorla e vaniglia, gelatina ai frutti rossi, semifreddo alla fragola, pan di spagna al pistacchio e croccantino al pistacchio: la volontà è stata quella di realizzare un connubio tra gusti italiani ed esotici per riportate delicatezza al palato.


Per quanto riguarda il dessert al piatto è stato fatto un lavoro preparativo in collaborazione con il pastry chef Giuseppe Amato. “Questo dessert – proseguono i componenti del team Italia – è un’unione di ricordi che rappresenta la semplicità del cioccolato e del latte, pur essendo stato impreziosito da un altro elemento”.

 

E infine le pièce realizzate alla base con un’impronta ideologica immaginaria, con forme come la medusa e una balena che entra ed esce dall’acqua per conferire al buffet armonia marina. “Abbiamo cercato di sviluppare tecniche veloci e giuste – spiegano Daloiso ed Esposito – per le tempistiche che avevamo a disposizione. La pièce in zucchero è stata realizzata con la “tecnica delle caramelline” ossia con inserimenti colorati all’interno dello zucchero ripresi dalle tecniche delle caramelle”.

“I ragazzi hanno lavorato bene – spiega il coach Dalmasso – e abbiamo ricevuto complimenti da tutto il comitato per la pulizia, l’ordine e la precisione. Momenti delicati come quelli della cottura della pasta bignè e del soufflè sono stati eseguiti alla perfezione”.
Parole di ammirazione anche da parte dello chef tre stelle Michelin Fabrizio Mellino del Ristorante Quattro Passi di Nerano (Na), membro della giuria dei Dessert da ristorazione durante la competizione di Parigi: “L’Italia ha realizzato una bellissima gara sia dal punto di vista tecnico che da quello della presentazione e sappiamo tutti quanto sia difficile lavorare a quei livelli essendo così sotto pressione”.

Sarah Scaparone
Foto Alexandre Alloul

Il podio della Coupe Europe 2024 di Parigi.

I lavori del team Francia

I lavori del team Regno Unito

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili