I finalisti italiani della Coppa del Mondo del Panettone

L’Italia ha i suoi finalisti in corsa alla Coppa del Mondo del Panettone di novembre, che vedrà in campo anche Spagna, Portogallo, Brasile, Svizzera, Stati Uniti e Francia. E noi di “Pasticceria Internazionale” in qualità di felici media partner

 

Carlo Gronchi, Andrea Besuschio, Igino Massari, Vittorio Santoro, Angelo Musolino e Beniamino Bazzoli, con il patron della Coppa del Mondo del Panettone Giuseppe Piffaretti.

 

Dopo le preselezioni a Gustar Pistoia per il centro, Villa Terzaghi a Robecco sul Naviglio per il nord e Castello Aragonese a Reggio Calabria per il sud Italia, il 22 maggio presso la CastAlimenti a Brescia, Carlo Gronchi, Andrea Besuschio, Igino Massari, Vittorio Santoro, Angelo Musolino Beniamino Bazzoli, con il patron Giuseppe Piffaretti, hanno selezionato i sei professionisti che accedono alla finale della Coppa del Mondo del Panettone, di scena a Milano, il prossimo novembre (dal 4 al 6).
Passano il turno Samuele Segala, dell’omonimo Panificio Pasticceria a Fumane (VR), Stefano Ferrante della Pasticceria Ferrante di Campomorone (GE), Roberto Moreschi di Roberto Pastry e Bakery di Contini Debora (Chiavenna, SO), Claudio Colombo della Pasticceria Colombo e de Santi Colombo di Barasso (VA), Vanna Scattolini Madamadore di Scattolini Vanna a San Pietro in Cariano (VR), e Giuseppe Mascolo della Pasticceria Mascolo di Visciano, in provincia di Napoli.
Le selezioni nazionali sono al debutto con l’organizzazione a cura del neonato Club Italia della Coppa del Mondo del Panettone, presieduto da Giambattista Montanari, con i soci fondatori Piffaretti, Pierpaolo Magni ed Angelo Musolino.

 

Ed è vicina anche la finale della categoria panettone al cioccolato, in programma il 10 giugno presso la Chocolate Academy di Milano con, in giuria, Jan Pablo Colubri, Magni, Massari, Musolino, Gino Fabbri, Diego Poli, Montanari e Matteo Cunsolo. Sul tema passano in giudizio forma e cottura, aspetto e colore interno, qualità e quantità del cioccolato, morbidezza-scioglievolezza, profumo, sapore e aromaticità, di due panettoni del peso di 1000 g realizzati con la materia prima descritta in regolamento.

 

https://coppadelmondodelpanettone.ch

Articolo precedenteTutto il buono di Prato
Articolo successivoIl panettone va al museo

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili