Sei quintali di biscotti per i bambini ucraini 

Matteo Cunsolo e i colleghi del Richemont Club Italia consegnano biscotti e prodotti da forno alla frontiera tra Polonia ed Ucraina   

Sono stati in molti, dalla Sicilia fino alla laguna veneta, ad aver aderito all’iniziativa benefica di Matteo Cunsolo, neo presidente del Richemont Club Italia (leggi qui), che insieme ai colleghi del Club, e in collaborazione con l’Associazione sindacale Ucraina dei lavoratori immigrati in Italia (Asli), ha preparato e consegnato personalmente biscotti e prodotti da forno a lunga conservazione in tre campi profughi al confine tra Polonia e Ucraina. L’idea segue un’altra iniziativa del panificatore: il pane in cassetta blu e giallo per la raccolta fondi pro Ucraina diretta al Lions Clubs International Foundation (leggi qui).
Hanno sposato l’iniziativa: Beniamino Bazzoli e Fabrizio Zucchi dalla provincia di Brescia, Salvatore Rubino da Palazzolo Acreide, dalla Brianza Edoardo Corti e da Pavia LucaBruno Bergamaschi, da Chioggia Daniele Scarpa ha consegnato i bussolai (tipici dolci della tradizione veneziana). Hanno contribuito alla raccolta anche l’associazione commercianti di Chioggia, l’associazione artigiani di Chioggia e i panificatori chioggiotti.
Oltre ai prodotti da forno, sono stati donati generi di prima necessità, raccolti da Cunsolo nel suo panificio a Parabiago e poi trasportati con un furgone a noleggio. La parrocchia dei SS. Gervasio e Protasio di Parabiago ha messo a disposizione un pulmino di otto posti, utilizzato per trasportare persone in fuga dalla guerra, soprattutto donne e bambini, verso l’Italia. Alla guida i volontari Matteo e Marco Slavazza ed Alois Maurizi.

Photo credit Marco Slavazza

 

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili