Per te, Santo

Santo Musumeci, pasticciere e gelatiere di lungo corso e di grande talento in quel di Randazzo, Ct, ci ha lasciati nella notte e questo è il primo ricordo che vogliamo tributargli

Eri un artigiano vero, come vorremmo che fossero i giovani che oggi seguono le tue orme: appassionato, entusiasta del tuo lavoro, preciso, volitivo e instancabile, nonostante gli anni e gli acciacchi. Nelle tue mani prendevano vita torte, dolcetti alle mandorle, gelati, brioche con il tuppo e il tuo inarrivabile croccante, un tocco forte e leggero che conquistava come il profumo che si sprigionava dalle tue creazioni. Sempre sorridente quando parlavi di pasticceria e di gelati per cui trovavi il tempo per tutti, anche se eri sempre pieno di lavoro e di impegni. Una vocazione e un talento che hai trasmesso in famiglia, alle amate figlie e ai collaboratori, nel tuo desiderio generoso di condividere il tuo saper fare e quella preziosa cultura siciliana del dolce che portavi nel cuore.
Era un piacere vederti lavorare, vederti soddisfatto anche se mai completamente del tuo lavoro, perché eri una persona esigente e volevi la perfezione nel tuo operato. Era bello incontrarti nelle fiere e nei festival, soprattutto nella tua Isola, vederti gioire della bontà dei tuoi coni al pistacchio sempre premiatissimi, circondato da amici e colleghi, a cui raccontavi storie di bontà e aneddoti di laboratorio.
Insieme a Emilia Coccolo Chiriotti, a Livia, ai componenti della redazione e di tutta la Chiriotti Editori ci uniamo nel cordoglio con un grande abbraccio ad Anna Maria e a Giovanna, Carmela e Sandra. Ti ricordiamo così, con l’affetto commosso che si porta alle persone care, portandoti dove saremo nei luoghi dei dolci, ricordando la fortuna di averti incontrato.

Emanuela Balestrino

 

Per ricordare la figura di Santo Musumeci, e celebrarla in tutte le sue stupende sfumature, desideriamo condividere con tutti voi un pezzo scritto dalla figlia Giovanna e pubblicato su “Pasticceria Internazionale” nel 2013, dall’emblematico titolo “Diario semi-serio di un’avventura in stile ‘In viaggio con papà’”.
Clicca QUI
La redazione