Giovani pasticcieri crescono

Entusiasti e determinati, hanno dato veste e gusto nuovi alla pasticceria Tortatelier, nelle vie della Milano del futuro, puntando sul tris innovazione-tradizione-creatività. Ecco come dal racconto di Luca Gambelli e Carlo Demarco

 

Luca Gambelli e Carlo Demarco, con due creazioni-simbolo della loro pasticceria: il Monte Bianco e Pane, olio e cioccolato.

 

Classe 1993 e ‘96, un incontro come colleghi nella Pasticceria Bastianello di Milano e il sogno comune appena diventato realtà di aprire il loro locale. Siamo a due passi da corso Como, zona cult del design e della movida, della Milano dei grattacieli e del Bosco Verticale. In via Maroncelli 9 ha fatto il suo debutto in una veste nuova Tortatelier, la pasticceria-bomboniera tutto colore e dolcezze di Luca Gambelli, milanese, e di Carlo Demarco, pugliese di Bitetto, Ba, subentrati alla precedente proprietà, determinati ed entusiasti della loro nuova avventura creativa e imprenditoriale. Luca vanta un buon curriculum in insegne cittadine di tradizione, dalla Pasticceria Cucchi alla citata Bastianello, a quella di gusto innovativo di Niccolò Moschella, a cui fa da pendant quello di Carlo che, dopo lo Scientifico, ha frequentato a Modugno, Ba, la Galena Chef Academy, per approdare alla sala ricevimenti de La Perla del Doge a Villa Ciardi a Molfetta, fino a diventare capopartita al Principe di Savoia di Milano.

 

Colori e dolcezza nella vetrina frigo

Scoperto dal pasticciere bolognese Francesco Elmi e da chi scrive, in occasione di un concorso di pasticceria del suo Alberghiero, il Vespucci di Milano, e segnalato a 14 anni come esordiente promettente, grazie a una convincente torta di S. Valentino, Gambelli ha perseguito il suo sogno grazie all’unità di intenti con Demarco. Definiscono la loro “alta pasticceria prêt-à-porter, frutto di impegno e sperimentazione”. Ne sono due esempi le creazioni che mostrano nella foto: Gambelli con un Monte Bianco a base di sablé di cacao, crema leggera ai marroni, disco di meringa e spaghetti ai marron glacé; Demarco con il cavallo di battaglia: Pane olio e cioccolato con mousse fondente 75%, sfera liquida con olio di oliva barese e bruschetta con olio e sale. Per fare ciò “utilizziamo ingredienti della migliore qualità, uova e limoni bio, burro di Normandia, cioccolato monorigine, vaniglia bourbon del Madagascar e chili di amore. Ecco perché i nostri dolci sono eleganti come un abito di haute couture e buoni come la torta della nonna”. Sorridenti e appassionati, guardano con fiducia al futuro senza nascondersi le difficoltà degli inizi e del periodo, propizio nonostante tutto perché di questi tempi anche i momenti di dolcezza aiutano a superarle.

www.tortatelier.it

Emanuela Balestrino

 

Gambelli con mamma Teresita, papà Alberto e Carlo Demarco davanti al laboratorio a vista

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili