La pasticceria da ristorazione sale in cattedra

Giuseppe Amato apre l’anno con nuovi impegni sul fronte formazione e ai suoi corsi insegna come giocare al meglio La carta dei dessert. Protagonista anche il gelato.

 
Giuseppe Amato con Palmiro Bruschi, presso la Scuola Tessieri.
 
Dopo aver ricevuto il prestigioso riconoscimento quale Miglior pasticciere al mondo 2021 per Les Grandes Tables du Monde (leggi qui), gli impegni di Giuseppe Amato lievitano, perché dettati dal suo desiderio di diffondere la cultura della pasticceria da ristorazione, proprio come codificato nel suo libro “La pasticceria da ristorazione contemporanea”, per Chiriotti Editori (firmato con Lucilla Cremoni).
E così l’anno da docente dell’executive pastry chef del ristorante La Pergola ***Michelin di Roma, inizia con le partecipazioni in Etica Academy, alle porte di Udine (lo scorso 11 e 12 gennaio), e alla Scuola Tessieri, per la masterclass di inizio anno (il 13 e 14), in collaborazione con Palmiro Bruschi.
Anche in aula, come con la sua brigata di pasticceria, egli promuove un approccio rigoroso alla tecnica e alla materia prima, spaziando dalla pasticceria alla gelateria. Definisce La carta dei dessert, con approfondimenti sulla materia prima e sulla concezione del dessert, e mette a confronto un dolce al piatto e un dolce sul piatto. Passando dalla scelta degli ingredienti all’equilibrio di gusto in ricetta, per finire con il suo metodo di gestione della partita dei dolci in un ristorante.
Giuseppe Amato in Etica Academy.

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili