Dove cresce la farina nasce un bosco

Inaugurato Il Bosco del Molino, nuovo polmone verde di Agugiaro & Figna Molini

Il Bosco del Molino è la nuova casa per i futuri progetti di sostenibilità dedicati alla salvaguardia dell’ambiente. Il polmone verde, realizzato da Agugiaro & Figna Molini, in collaborazione con il Cinsa (Consorzio Interuniversitario Nazionale Scienze Ambientali), sorge a Collecchio, Pr, ed è stato inaugurato nella Giornata Nazionale degli Alberi.
Il Bosco (https://www.ilboscodelmolino.it/it) di 13 ettari dà dimora a 18mila alberi fra arbusti, alberi ed essenze officinali, permettendo l’assorbimento di 220.000 kg all’anno di CO2, e compensando così le emissioni totali degli impianti dell’azienda nello svolgimento delle attività di trasformazione del grano. Sarà riprodotto il 96% della biodiversità del Bosco del Taro.
“Si tratta – spiega Riccardo Agugiaro, CEO dell’azienda – di un patto con le future generazioni, capace di segnare la strada per la realizzazione di scelte consapevoli e rispettose per ambiente, terra e persone”. In questo momento è importante compiere azioni, assumere atteggiamenti responsabili, ma soprattutto ampliare il concetto di economia circolare, attraverso progetti che possano includere al loro interno altri modelli virtuosi e condivisi. Il Bosco del Molino è il frutto della condivisione di menti illuminate nello studio del suolo e nella realizzazione di progetti ambientali rispettosi dell’ambiente e della biodiversità, a partire proprio dalla sua realizzazione durante la quale sono stati utilizzati materiali ecosostenibili. Il nuovo spazio verde è destinato a divenire patrimonio di tutti, attraverso l’ideazione e costruzione di spazi che saranno destinati all’utilizzo delle scuole e della ricerca didattica. Tra i progetti in fase di realizzazione, anche alcuni itinerari formativi tematici nel settore agroalimentare all’interno del Bosco, diretti agli alunni e ai dirigenti scolastici della Regione Emilia Romagna. Sarà inoltre un luogo di condivisione sia per i dipendenti, che godranno di uno spazio aperto dove trascorrere il loro tempo, che per soggetti esterni che avranno modo di vivere momenti di conoscenza e d’informazione attraverso seminari, convegni, incontri.
L’impegno di Agugiaro & Figna all’assunzione di un atteggiamento responsabile non è volto solo all’ambiente, ma anche alle persone, avendo ottenuto la certificazione etica attraverso la quale s’impegna a rispetto della persona e delle pari opportunità, imparzialità, trasparenza e correttezza delle informazioni, tutela della riservatezza anche nell’uso dei sistemi informatici e telematici, garanzia di una buona e corretta governance verso i dipendenti e la collettività.
Da oltre 5 anni l’impresa utilizza fonti da energie rinnovabili ed è sostenitrice dell’attività di Slow Food, associazione internazionale no profit impegnata a ridare valore al cibo, in armonia con ambiente ed ecosistemi, con la quale stanno avviando diversi progetti legati al mondo della formazione. “Utilizziamo – conclude il CEO ­– il calcolo della carbon footprint di prodotto, il parametro che permette di stimare le emissioni in atmosfera di gas serra causate da un prodotto, servizio, organizzazione, un evento o individuo, per misurare l’impatto del prodotto da quando si coltiva fino alla fine della vita di esso. E ci stiamo orientando ai valori delle nuove certificazioni ESG che servono a misurare impatti diretti indiretti sociali, ambientali dell’azienda, ma non è soltanto adottando i dati degli enti certificatori che promuoviamo soluzioni più sostenibili. Stiamo sensibilizzando i fornitori alle tematiche ambientali: ci basiamo sul lavoro agricolo e stiamo aumentando le filiere sostenibili e virtuose con gli agricoltori per promuovere, attraverso progetti partecipativi, atteggiamenti rispettosi e attenti verso la terra”.

www.agugiarofigna.com

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili