Il miele in miscelazione

Un twist ispirato all’idromele, un daiquiri che mixa rum, gorgonzola e miele, ed un americano low alcol. Tre ricette per esaltare il miele a cura di Mattia Pastori

 

Idromele di frutta 2.0.

 

Mattia Pastori, mixologyst e fondatore di Nonsolococktails, in collaborazione con Mielizia, presenta tre ricette a base di miele.
La prima è un idromele di frutta 2.0, realizzato unendo al Miele di Clementino due bevande fermentate: una di origine messicana, il Tepache (ottenuto dalla fermentazione delle bucce di ananas), e una mediterranea, l’idromele, per un cocktail da servire freddo. “Ho scelto di costruire una honey water di Miele di Clementino della Basilicata che, fermentando grazie alle bucce di ananas, crea un Tepache meno speziato, elegante e dai profumi mediterranei, decorato con una foglia di timo”, spiega Pastori.

 

Idromele di frutta 2.0

dosi per 1 litro
850 ml acqua Panna
150 g miele di Clementino*
40 g ca di ananas
buccia di 1 ananas maturo

Lasciare fermentare la buccia d’ananas per 36/48 ore ad una temperatura di circa 22/24°C. Filtrare e lasciare in frigorifero la bevanda, anche dopo averla filtrata: una volta in frigorifero, continuerà a evolvere e a fermentare, diventando sempre più frizzante e acida nello stesso tempo.

* Il Miele di Clementino ha un colore chiaro, dal bianco al giallo paglierino fino al beige chiaro, un profumo floreale e fruttato e note di zagara.

 

Gorgo daiquiri.

 

Gorgo Daiquiri

1 cucchiaino di gorgonzola cremoso
5 cl Havana Club 3 anni
2 cl Honey Water al miele di Acacia
2 cl succo di lime fresco

Shakerare tutti gli ingredienti e servire in coppa da cocktail.

“Ho deciso di creare un daiquiri in grado di esprimere il concetto di Liquid Kitchen, abbinando il gorgonzola, in questo cocktail dal DNA tropicale, e ho sostituito lo zucchero con uno sciroppo di miele di Acacia”, spiega il mixologist.

 

Americano low alcol con miele di castagno.

 

Americano low alcol con miele di castagno

Il termine low alcol coinvolge sia la ricerca di un basso tenore alcolico nel drink che un’accezione healty, grazie all’inserimento di un ridotto apporto di zuccheri e calorie. L’idea è proporre un drink simbolo dell’aperitivo italiano, utilizzando il sapore del Miele di Castagno e giocando su texture e sapori, grazie all’inserimento del polline, dalla consistenza cremosa.
“Ho unito Vermouth, Bitter e una soda a base di miele di Castagno; per la decorazione ho guarnito il bordo del bicchiere con un crusta misto di polline e sale, unendovi cremosità del polline e sapidità”.

4 cl Bitter Martini Riserva
4 cl Carpano Antica Formula
3 cl acqua Perrier
50 g miele di castagno
crusta di polline deumidificato e sale

Per realizzare la soda al castagno, versare nel sifone l’acqua Perrier e il miele di castagno. Una volta pronta, trasferirla nel bicchiere insieme agli altri ingredienti. Decorare con crusta di polline e sale.

www.parcoapiemiele.com

Menù Cucina

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili