Panettone o Pandoro?

Questo Natale a Casa Manfredi puoi scegliere

 

Mesi di ricerca sul prodotto, un’attenta selezione degli ingredienti, lunga lievitazione naturale con lievito madre e una lavorazione rigorosamente artigianale, con queste carte Giorgia Proia, la pasticcera di Casa Manfredi a Roma, gioca d’attacco e, grazie anche alla recente consulenza del pastry chef Andrea Tortora, mette d’accordo anche gli ultimi indecisi. Panettone o Pandoro? La sua è una tripletta che accontenta tutti e stupisce con due novità: il Panettone al cioccolato al cubo, con doppio fondente e al latte all’interno e il cacao sia nell’impasto che nella glassa con gru di cacao e nocciole Piemonte IGP, e il Pandoro. “Quest’anno – spiega Giorgia – ci tenevo a presentare, più degli anni passati, dei grandi lievitati della feste che racchiudessero tradizione, calore e che riuscissero a comunicare un senso di casa e famiglia. Ho deciso di realizzare per la prima volta anche il pandoro, in modo da non lasciare scontento nessuno. Sono molto fiera del risultato finale, i mesi di prova sono stati tanti… e poi non è scontato produrre un grande panettone artigianale in meno di 20 mq di laboratorio!”.

Dopo le collaborazioni per il delivery d’autore con i croissant salati in collaborazione con gli chef Anthony Genovese, Sarah Cicolini e Jacopo Mercuro, i lievitati in edizione limitata come il Coffee Coffee Cruffin (leggi qui), la prima torta componibile online Party dalla Base e una linea di pasticceria in stile fusion italo-giapponese per il brunch Kongtinental del Cocktail Bar Drink Kong della capitale, Casa Manfredi è la new entry della classifica Dissapore dedicata ai lievitati del Natale. E, merito di un nuovo packaging in latta blu/oro, realizzata da Doppio Trat_o, i panettoni e il pandoro di Giorgia sono segnalati anche tra i migliori regali food per un Natale dolce. 

www.casamanfredi.it

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili