Sara Accorroni e Bruno D’Angelis ai Mondial des Arts Sucrés. L’intervista

Dal 5 al 9 febbraio 2016 a Paris-Nord Villepinte (Francia) andrà in scena Europain & Intersuc, salone internazionale della panificazione, pasticceria, gelato, cioccolato e confetti. 5 giorni di workshop e conferenze, 5 spazi d’animazione specifici per ogni professione e soprattutto grandi concorsi, tra cui i Mondial des Arts Sucrés.
Per la prima volta l’Italia parteciperà ai Mondial des arts sucrés di Parigi (5/8 febbraio 2016, Europain), un’avventura impegnativa ed emozionante per i giovani italiani Sara Accorroni e Bruno D’Angelis, in squadra insieme ai loro allenatori Davide Malizia e Roberto Rinaldini.
E’ una competizione difficile per cui si stanno preparando da mesi presso la CASTAlimenti di Brescia; tutte le preparazioni dovranno essere realizzate sul posto. Ecco il loro racconto in vista della gara.

 

Quali motivazioni vi portano ad affrontare una sfida tanto difficile?
B: A spingermi è stata la voglia di competere, il fascino dell’adrenalina del concorso. Ma non conta solo la meta finale: il percorso che affrontiamo per arrivarci è un momento di crescita professionale irripetibile.
S: È un’occasione unica per mettersi in gioco, per sperimentare e per condividere esperienze. La considero una tappa fondamentale del mio percorso professionale e personale. Lavorare accanto al maestro Davide Comaschi durante gli allenamenti che lo hanno portato a vincere il World Chocolate Masters, mi ha dato la spinta giusta per intraprendere questa avventura. Credo che lo spirito di squadra richiesto da questo concorso aiuti la pasticceria femminile ad emergere per quel che vale. Si compete finalmente allo stesso livello dei colleghi uomini.

Che ruolo hanno avuto i grandi maestri della pasticceria italiana nella vostra formazione?
B: Allenarsi all’interno di una scuola come CAST Alimenti, ci ha permesso un quotidiano confronto con i grandi maestri, che ci hanno dato tanti input sulla direzione da prendere. Senza mai indicarci, però, il percorso da seguire: quello è stato compito nostro, e se ci stiamo riuscendo è anche grazie al contributo delle persone che ci stanno accanto e ci consigliano ogni giorno.
S: Il confronto con il maestro Iginio Massari è sempre aperto, perché lui è parte di CAST Alimenti, la scuola dove ci stiamo allenando. Abbiamo anche seguito alcuni moduli del suo Master di pasticceria. Fondamentale è l’appoggio del direttore della scuola Vittorio Santoro, che ci ha offerto un sostegno senza pari.
B: La condivisione delle conoscenze è sempre fondamentale e lavorare a porte chiuse non dà alcun vantaggio. Anche se naturalmente non bisogna mai perdere di vista le linee guida delle persone di riferimento: troppe opinioni contrastanti possono portare fuori strada.

Insomma, arriva un momento in cui bisogna prendere decisioni e proseguire per la propria strada.
S e B: Certo, è giusto ascoltare ma bisogna anche saper decidere.

Tornando alle direttive degli allenatori: potete fare un esempio di come il loro supporto si sia rivelato importante?
S e B: I consigli, gli stimoli esterni e le idee sono sempre preziosi. Il maestro Rinaldini ci ha dato un grosso aiuto nella definizione estetica del dessert al piatto. Grazie al suo intervento, siamo entrati in contatto con l’artigiano giusto al quale abbiamo commissionato la realizzazione del piatto che accompagnerà il nostro prodotto. Il confronto con gli allenatori è fondamentale anche per la progettazione dei pezzi artistici.

A che punto siete con gli allenamenti?
S e B: Abbiamo ormai definito tutti i prodotti e ci stiamo organizzando per le prove a tempo e per la parte artistica. Il tempo è un ingrediente essenziale, ma sembra non bastare mai. Vorresti che le giornate non avessero mai fine.

Avete lavorato sempre in team?
S e B: Abbiamo condiviso tutto: le decisioni e le preparazioni. La ricerca l’abbiamo portata avanti insieme. Per le prove a tempo, naturalmente, definiremo meglio i ruoli. Fondamentale è anche il supporto della nostra assistente, Dalila Salonia, che fa parte fino in fondo della squadra e che deve crederci quanto noi. Infine non bisogna dimenticare gli sponsor, tutti quanti: senza di loro non potremmo andare da nessuna parte.

Sostengono la squadra:

CASTAlimenti, Chiriotti Editori, Arte Bianca, Molino Dallagiovanna, Irinox, Hausbrandt, Agrimontana, Boiron, Zanolli, Silikomart, RiminiFiera, METRO, Lesepidado, Decosil, Puratos e Mario Romani

www.europain.com

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili