Eventi internazionali e strumenti di business per le imprese al 37° Sigep

 

Dall’anno dell’Expo a quello del Sigep. È un’ideale staffetta per continuare a valorizzare la qualità del food made in Italy quella che sancirà il 37° Sigep, la prima fiera mondiale del 2016 pronta ad aggiungere la concretezza del business alle attività promozionali. L’appuntamento sarà a Rimini Fiera, dal 23 al 27 gennaio prossimi.
Il salone leader del dolciario artigianale, punto di riferimento di un mercato mondiale – quello della gelateria, pasticceria e panificazione artigianali – in continua crescita, è reduce da un’edizione con oltre 187mila visitatori professionali, 38mila dei quali stranieri, quota che in cinque anni è praticamente raddoppiata. Numeri record, che trasmettono l’eccellente grado di innovazione e qualità espresso dal comparto.
Per  Sigep 2016 sono già definiti gli eventi internazionali di punta.

sigep 2016
Per la gelateria è in programma la Coppa del Mondo, salita a 14 partecipanti (11 nel 2015); per la pasticceria, appuntamento con The Pastry Queen, la competizione dedicata alle donne più talentuose dai cinque continenti; da non dimenticare la sfida mondiale della Star of Chocolate, mentre Bread in the City catalizzerà l’attenzione sulle scuole artigianali di panificazione. Il panorama si completa con decine di altri eventi: non mancheranno ad esempio i festeggiamenti ai moschettieri italiani vincitori del campionato del mondo di pasticceria nel gennaio scorso, a Lione.
Sul fronte espositivo si profila un’altra edizione record. Alle conferme già pervenute dalle aziende dopo l’ultima edizione, in questi mesi si è moltiplicata la domanda e a ridosso dell’estate l’occupazione dei saloni segna un +40% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; il quartiere, 16 padiglioni, sarà interamente occupato. In forte crescita anche l’area destinata al caffè.
Un risultato frutto dell’attività “Sigep tutto l’anno”, tanti eventi che si susseguono nell’arco dei dodici mesi e strumenti innovativi messi a punto a favore degli espositori. Da Sistema Sigep per il supporto dell’attività di internazionalizzazione a Sigep Boost, utile ad accompagnare il business delle imprese con gli strumenti di comunicazione del Salone; inoltre l’iniziativa Forum Agenti per supportare e completare le reti commerciali di tante imprese che anche sul territorio italiano hanno necessità di muoversi con le loro proposte; Top Buyer dai 5 Continenti è invece la piattaforma sulla quale domanda ed offerta si incrociano.
Per il 2016 è stato prodotto un forte investimento promozionale verso Asia, Nord e Sudamerica. Per agevolare l’arrivo dei buyers, Rimini Fiera ha stretto accordi diretti con gli aeroporti Marconi di Bologna, Marco Polo Venezia e Malpensa Milano.
La prossima edizione di Sigep sarà affiancata da RHEX, Rimini Horeca Expo, che ai padiglioni B7 e D7 ospiterà prodotti e tecnologie per la ristorazione extradomestica.

 

La nuova immagine del Salone esalta il made in Italy

Sono sculture anche quelle dei gelatieri. Ed è arte anche quella dolciaria artigianale.
Nasce da queste riflessioni la nuova immagine 2016 di Sigep, progettata dall’Agenzia Gambarini & Muti. Il visual declina un’argomentazione di forte impatto per il made in Italy: la grande arte italiana, in un parallelo con l’artigianalità di gelatieri, pasticceri e panificatori.

I collegamenti fra moda e cibo si contano sempre di più, ma una diretta affinità del gusto, nel senso delle papille gustative, e della maestria artigianale con le grandi opere d’arte non era ancora stata tentata”, spiega Luigi Gambarini.

image003
L’head line della campagna è “L’arte del gusto italiano nel mondo”.

Nelle varie declinazioni della campagna – continua Gambarini – le volute scultoree di un gelato ammiccano al volto serioso del David del Michelangelo, mentre la torta di un grande pasticcere ha per sfondo un’opera preziosa di oreficeria etrusca. La tazza di caffè si intona ai cromatismi del Kylix etrusco di Tarquinia, così come una scultura di cioccolato (vincitrice dell’ultimo campionato mondiale, ndr) entra in scena con la neoclassica Ebe del Canova. Il pane nel cesto si abbina al Bacco giovane del Caravaggio, gli affreschi in rosso pompeiano della Villa dei Misteri di Pompei portano in  primo piano una invitante  pizza al pomodoro”.

www.sigep.it

 

Menù Pasticceria

ACQUISTA I LIBRI SULLO SHOP

Articoli simili